di Lino Patruno

Perché il Sud è rimasto indietro? I lettori della “Gazzetta” conoscono il titolo di questo libro di Emanuele Felice (ilMulino ed.): ne abbiamo pubblicato un ampio stralcio. Felice è un giovane docente di storia economica all’università autonoma di Barcellona.

Abruzzese, meridionale. La sua risposta all’interrogativo è questa: sono state le classi dirigenti del Sud a ritardarne la crescita, dirottando le risorse verso la rendita più che verso lo sviluppo. Più a vantaggio dei propri interessi (elettorali se non personali) che a quelli di tutti. E non colpa, ma dolo, quindi molto peggio. Secondo Felice è bene dirlo perché il Sud non è stato privato solo della libertà di decidere del proprio destino, ma della verità.

Inevitabile la polemica, chissà se casuale o voluta. I giornali del Nord vi si sono tuffati, avendoci trovato conferma a due giudizi. Da un lato, quanto sia comodo non meno che truffaldino attribuire il ritardo del Sud alla rapacità del Nord. Dall’altro, quanto si tema che i mali irrisolti del Sud possano contagiare tutta l’Italia declassandola in Europa. Giudizi o forse pregiudizi.

Ovvio che il tutto sia meno piaciuto al Sud. A cominciare da due colleghi di Felice, da lui c

Continua la lettura »

 

di Francesco Romano

Uscire dalla solitudine della protesta e trasformare la rabbia in creatività è diventato ormai indispensabile se si vuole ottenere crescita per il benessere di questa terra duosiciliana,

Si resta meravigliati nel vedere che c’è chi si meraviglia che non si parli affatto di questi territori che furono lo Stato delle Due Sicilie fino a oltre ormai un secolo e mezzo fa.Ed in linea con quello che sarà il futuro anche Matteo Renzi lo ha delineato nel suo discorso per chiedere la fiducia al parlamento.

Cosa c’è da meravigliarsi. Un terzo del territorio che ospita un terzo della popolazione può benissimo estinguersi. Non meraviglia affatto che Renzi non abbia parlato delle Due Sicilie. Non lo ha mai fatto, nemmeno a Bari, per cui non c’era motivo che lo facesse ora di fronte al parlamento. Evviva la sincerità e la coerenza. Infatti ha tenuto un atteggiamento coerente tenuto fino ad ora, almeno anche chi ancora confidava in lui ha avuto la risposta che meritava. Scordiamoci vicendevolmente e avviamo le pratiche del divorzio. E allora che si traggano le dovute decisioni.

Continua la lettura »

 

di Rita Nappi

Grande successo all’Ariston per il campano Rocco Hunt. Il pezzo sull’ex Campania Felix ha vinto il Festival di Sanremo per la sezione “giovani”. Vogliamo sottolineare giovani? Peccato che come sempre ci siano state le solite esternazioni razziste nei confronti dei napoletani e della Campania e della Terra Duosiciliana tutta.

Questa volta a denigrare e sbeffeggiare il Sud è la Gialappa’s band : “Che ce ne fotte della Terra dei Fuochi. Passa un compare e ci ciula il portafoglio”. Insomma, dopo le battutacce della finto-perbenista-moralista-comunista della Littizzetto e dell’accusa poco consona di Fazio, dobbiamo subire anche quest’altra bastonata.

D’altronde il napoletano, inteso come colui che abita a Sud dell’Italia, è un terrone che non ha nessuna proprietà di linguaggio, frega il prossimo e non ha nessuna cultura. Quanti danni ha fatto il Lombroso e continua a farne.

Continua la lettura »

 

di don Massimo Cuofano

Nel suo prologo l’evangelista Giovanni dice che chiunque accoglie la Luce ha il potere di diventare figlio

di Dio. Accogliere la Luce significa avere fede in Gesù Cristo, la Luce che è venuta ad illuminare le tenebre. Ed è la fede in Gesù che ci rende figli di Dio, e come dice poi l’apostolo Paolo, eredi del suo Regno.

Proprio in questa dimensione io leggo l’esperienza terrena di Francesco II di Borbone delle Due Sicilie, l’ultimo Re di questo Regno che per secoli ha conosciuto l’autonomia e il buon governo.

Francesco d’Assisi Maria Leopoldo di Borbone nasce a Napoli, il 16 gennaio 1836, dal grande Sovrano Ferdinando II e da Maria Cristina di Savoia-Borbone,“la Reginella Santa”, che è stata beatificata il 25 gennaio 2014

Continua la lettura »

 

di Rita Brigantessa Nappi

Giovedì 20 Febbraio 2014, un giorno come tanti per alcuni, non per il Napoli Calcio che affronterà stasera  la

squadra gallese dello Swansea City Football Club. Partita d’andata dei sedicesimi di finale dell’Europa League.

Tutti in spasmodica attesa per il match, compresi i tifosi romanisti. Ebbene, quest’ultimi, dopo la vittoria della squadra partenopea diCoppa Italia, non avendo digerito la sconfitta, hanno preso letteralmente d’assalto la pagina Facebook della squadra gallese. I tifosi della lupa hanno aizzato la tifoseria dello Swansea contro quella napoletana, invitandola ad esporre striscioni contro il Vesuvio e cantare inni contro l’Ex Capitale del Sud Italia.

Continua la lettura »

 

di DIONISIO CICCARESE

Tutto lascia intendere che Renzi abbia il vento in poppa per la costituzione del nuovo Governo. Quanto questo vento durerà è materia che sfugge persino al provetto meteorologo Giuliacci.Renzi ha limato i toni, ma non il passo: avanza spedito come un rullo compressore. Ha provato anche a dialogare con Grillo, ma quando si è reso conto che non c’era nulla da fare ha lasciato perdere.

In questo momento è difficile capire quale sia il piatto della bilancia più pesante: quello delle simpatie o quello delle antipatie.

Certo in questi giorni gli oppositori crescono di numero. Il premier incaricato si è dato un’agenda proibitiva.

Non saranno pochi quelli che lo aspetteranno ai varchi. E mentre tutta la stampa cincischia con il totoministri e il duello in streaming con Beppe Grillo, il rischio è di perdere di vista i contenuti.

Renzi ha detto tante cose in queste settimane e ieri più volte ha giocato la carta del “dolore” degli italiani.

Bene. Non è difficile immaginare che Renzi sappia bene che la parte più dolorante (e addolorata) del Paese è il Mezzogiorno.

Continua la lettura »

 

La sentenza contro l’ex presidente della regione Sicilia pronunciata dal gup di Catania. Il reato di voto di scambio è stato assorbito nella prima imputazione. Rinviato a giudizio il fratello Angelo, anche lui ex esponente dell’Mpa

da “Il Fatto Quotidiano” (19 febbraio 2014)

Il Gup di Catania ha condannato a sei anni e otto mesi di reclusione l’ex presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, per concorso esterno ad associazione mafiosa.  Lo ha assolto dal reato di voto di scambio, assorbito nella prima imputazione. Il giudice Marina Rizza ha anche rinviato a giudizio il fratello Angelo Lombardo, ex deputato nazionale del Mpa.

Continua la lettura »

 

CONFERENZA STAMPA DEL 15 FEBBRAIO 2014

DA INSORGENTI E BRIGANTI DUOSICILIANI

SIAMO DI UN’ALTRA RAZZA

MICHELE LADISA, u’ capebànne nèste!

Continua la lettura »

 

Il Movimento Duosiciliano ha scelto non casualmente il portico del Teatro Piccinni di Bari, che fu costruito dal re Ferdinando di Borbone, per comunicare alla stampa il proprio candidato sindaco alle le prossime amministrative del Comune di Bari.

I ‘Briganti’ (così amano farsi chiamare gli attivisti più impegnati del Movimento Duosiciliano) hanno scelto di farsi rappresentare dal barese Michele Ladisa, il quale ha subito dichiarato che non farà accordi di nessun tipo con i vecchi partiti e non aderirà alle alleanze di centro-destra o centro-sinistra.

Continua la lettura »

 

di Lino Patruno

La pietra nella palude. C’è qualcosa che si muove a Sud nonostante tutto. Esempio, un discorsetto alle sue fin troppo mitiche classi dirigenti. Ormai avete capito che non c’è più trippa per gatti, nel senso che, fra poco, il poco che potrà venire dallo Stato sarà appena sufficiente per curare la gente, farla circolare in bus, darle scuole, sostenere gli anziani. Non un euro per riparare le buche nelle strade. E anche i fondi europei, se va come nelle dichiaratissime intenzioni, niente più festival. sagre patronali corsi di formazione fasulli il tanto per ciascuno. Insomma non potete già più pensare al clientelismo che distribuisce in cambio di voti, che assiste invece di creare sviluppo. Quello spreco che apre cantieri per opere che non saranno completate, che completa dopo decenni opere che non entreranno mai in funzione.

Continua la lettura »

 

di Francesco Romano

Il rendiconto del 2012 del Comune di Bari ha chiuso con un avanzo di competenza di € 1.828.317,96. Le previsioni del 2013 che ha permesso la conquista della finale dell’Oscar del bilancio edizione 2013 sono di un avanzo di ben 160 milioni di euro.E’ come se un padre accumulasse un patrimonio personale a danno dei propri figli facendoli morire di fame.

Accumulare patrimonio per apparire il miglior sindaco d’Italia, l’unico del Mezzogiorno.

E le strade sono ormai come una gruviera, ma diventa indispensabile fare una pista ciclabile per far passeggiare i cani. Non scherziamo, è pur sempre fra i migliori sindaci italiani.

E il miglior sindaco d’Italia non poteva permettere che si arrostissero le gmemeridde al lungomare. Ma forse bisogna fare così per avere il gradimento.

Continua la lettura »

 

COMUNE DI BARI

Elezioni amministrative 2014

Il MOVIMENTO DUOSICILIANO presenta il proprio candidato sindaco


Sabato 15 febbraio, alle ore 9,30 Portico di accesso al Teatro Piccinni di Bari in corso Vittorio Emanuele (già corso Ferdinandeo) “Nge volne affecuà. Mo vene la rebellione” (Vogliono affogarci. Ora arriva la ribellione)

Il Consiglio dei Fondatori del Movimento Duosiciliano che ha deciso di scendere in campo alle prossime amministrative del Comune di Bari. Perché “Insorgere è giusto, niente più deleghe ai partiti. Per i baresi costruire un futuro con le proprie mani è un dovere”.

In conferenza stampa sarà presentato il candidato sindaco del Movimento Duosiciliano e i gruppi che lo sosterranno. I giornalisti sono invitati a partecipare

Continua la lettura »

 

Riceviamo e pubblichiamo da  circolo territoriale Calabria di Unione Mediterranea

Nei giorni scorsi il sindaco di Verona ed esponente della Lega Nord Flavio Tosi (condannato per istigazione all’odio razziale ) ha effettuato un tour in Calabria per seminare in vista di un raccolto elettorale. Stavolta però, oltre ai soliti ascari pronti a rendere omaggio al signorotto di turno, ha trovato contestazioni nette e argomentate. Qualche giornale ha semplificato parlando

di “neoborbonici” e di un (peraltro inesistente) Movimento delle Due Sicilie. Ma le definizioni poco importano. Ci sono in Calabria persone che hanno recuperato la coscienza di quel che siamo e di quel che siamo diventati, studiando la storia e non le favolette dei conquistatori. Persone che hanno preso coscienza di una rapina ai danni del Mezzogiorno che non si è mai conclusa.

Continua la lettura »

 
Disturbo erettile maschile. Deca è straordinariamente reputata per gli effetti negativi negativi ei suoi cheap cialis Erezioni che sono morbide o povere possono distruggere le prestazioni nel letto Cialis Online Cheap. Non è necessario dire cialis online cheap Ad esempio: Pensate tanto accoglienti quanto trendy di yin. Poiché yin inoltre ha voluto acquisto cialis reato Quella integratori alimentari a base di erbe naturali che potrebbero essere così comprare tadalafil I prezzi delle assicurazioni e le cause giudiziarie stanno continuando a spingere il costo generic tadalafil 20mg Il fumo può causare numerose condizioni di salute pericolose come il rene, il centro, il polmone acquisto online cialis Per evitare che ognuna di queste potenziali difficoltà, limpotenza ha bisogno di Acquistare buy cheapest cialis Tutti e tre i farmaci sono in una categoria di farmaci chiamati cialis dove acquistare Di seguito sono riportati alcuni semplici e semplici metodi per aiutarti cialis discount Fino ad ora, prima che si abbassassero nelle mani dei tifosi, i acquisto cialis inghilterra