di Lino Patruno

Metti che uno dica: ragazzi, non vi iscrivete più a giurisprudenza. Se lo dice un professore, può essere una botta di cinismo. Se lo dice uno studente, può essere avvelenamento da diritto privato. Se non è né professore né studente, può essere stato colpito dal fatto che ci sono più avvocati in Puglia che in tutta la Francia. O semplicemente può aver capito che nulla all’università funziona più come prima, e non solo all’università.Non funziona più come quando si diceva: mi laureo in giurisprudenza, tanto offre molti sbocchi.

Se non faccio l’avvocato, posso partecipare a una serie di concorsi pubblici. E comunque una facoltà così va sempre bene, un po’ di tutto e niente di particolare.

Ma di concorsi pubblici se ne vedono sempre meno, essendo più facile in questi tempi di tagli che dalla pubblica amministrazione si esca più che entrarci. E comunque non c’è azienda che oggi si accontenti di lauree di grande tradizione ma di scarsa specificità.

Insomma, ragazzo che cerchi lavoro: è questo il sistema rapido più per mandare domande in giro che per ottenere risposte. Soprattutto al Sud, dove il lavoro è ancòra più dramma sociale che altrove. Ovvio che giurisprudenza vale quanto qualsiasi altra facoltà scelta con lo stesso criterio.

Continua la lettura »

 

di Francesco Romano

Mola di Bari, la cittadina pugliese sul mare Adriatico, ha ospitato in prima mondiale assoluta la rappresentazione teatrale “La storia nel baule” messa in scena dal gruppo teatrale “Le 7 muse di Apollo”.

Si tratta di un’opera prima di un gruppo di giovani che si sta affacciando al mondo dello spettacolo. Significativa diventa la scelta già dal titolo, appunto la “Storia nel baule”, rappresentato da tutte quelle storie dimenticate in un baule e che all’improvviso vengono alla luce per ricordare la storia di famiglia. E se ne scoprono delle belle.Il testo, la regia, l’approfondimento storico e l’interpretazione ha visto come vera e propria mattatrice Dolores Mangiolini che ha iniziato gli studi all’Accademia di belle Arti di Bari per proseguirli in quel di Roma.

Dolores è una di quelle persone che ha deciso di rimanere nella sua Mola di Bari, come del resto l’intera compagnia.

Gli arrangiamenti musicali sono di Mario Pinto e Mattia Di Francesco che hanno suonato insieme a Giuseppe Pinto.

Continua la lettura »

 

di Lino Patruno

Estate da dimenticare. E non solo per l’assenza del sole che ci ha fatto tutti visi pallidi. Ma perché nelle pur brevi vacanze, un po’ di colpi al Sud glieli hanno sistemati fidando nella disattenzione delle città e nella voglia sia pur delusa di evasione.Anzitutto il governo che condanna il Sud a non avere asili solo

perché non li ha mai avuti o ne ha avuti meno del resto d’Italia. E non solo asili. Ma mense scolastiche, scuolabus, tempo pieno, pulmini per disabili. Invece di rimediare, dice: non li avete mai avuti, significa che non ne avete bisogno. Guardi che non li abbiamo mai avuti perché il Sud è sempre stato trattato da figliastro. Ah, no, significa che quello è il vostro fabbisogno e quello vi tenete. Si può cominciare a diventare meridionali anche nella prima infanzia.

A proposito di scuole, sollevazione al Nord contro gli insegnanti meridionali che toglierebbero il posto a quelli locali. Fatto è che sono state aperte le graduatorie per l’immissione in ruolo e le lunghe supplenze. E in migliaia dal Sud stanno emigrando nelle zone con più richiesta. Suscitando una protesta al grido di “Ora basta” su Facebook. Ma siccome si accede per punteggio basato anche sul merito, che fa il Nord, fa marcia indietro dopo essersi sempre vantato per la sua meritocrazia?

Continua la lettura »

 

di Michele Ladisa

Come volevasi dimostrare, all’ultimo rigurgito fognante vomitato dalla bocca di Sgarbi, le zoccole di Stato hanno subito cominciato a ballare. Hanno già steso la tovaglia e si apprestano a gozzovigliare al lurido banchetto.

Il bellimbusto dell’italica politica e dell’arte, vorrebbe trasferire i Bronzi di Riace all’Expo di Milano, al “centro del mondo” dice.

Più passano gli anni e più l’ingordigia dei fratellastri d’italia diventa irrefrenabile. Più passa il tempo e più continua la spogliazione dell’immenso patrimonio duo siciliano.

Dagli schiavi della politica italiota di casa nostra nemmeno una parola. Lo sappiamo tutti, loro hanno da salvaguardarsi culo e poltrona.

Continua la lettura »

 

di Rocco Biondi

La storia del brigantaggio meridionale post unitario continua ad offrire a storici e ricercatori un vasto campo per approfondimenti e nuove scoperte.

Gli archivi storici, che pur con riserva vengono messi a disposizione degli studiosi, svelano fatti ed avvenimenti che gli storici ufficiali e di regime hanno

scientemente voluto ignorare e coprire.L’aprioristica scelta di giustificare e convalidare comunque l’intervento piemontese nel Meridione d’Italia viene con progressivo e sempre maggiore vigore contestata sia da storici accademici che irregolari.
Cavour, Garibaldi ed altri personaggi, che la prosopopea risorgimentale ha voluto mitizzare, vengono declassati e valutati per il reale contributo che hanno fornito a quella che ormai molti chiamano la malaunità d’Italia.
Quella parte di storia italiana che inizia dal 1860 si arricchisce di nuovi personaggi e nuovi protagonisti che se avessero avuto il sopravvento avrebbero evitato a noi meridionali tanti lutti e tante sventure che durano fino ai giorni nostri.

Continua la lettura »

 

Erogazione energia elettrica e comuni morosi, continua l’incivile disparità di trattamento tra le regioni del nord e quelle meridionali. Mentre in Lombardia, infatti, i costi sono oggettivamente più tollerabili, in Calabria così come in Puglia, Basilicata, Sicilia, nelle stesse condizioni, si paga esattamente il doppio. Il Sindaco rilancia la grave questione aperta nei mesi scorsi ed annuncia una dura campagna contro l’Enel.

Regime di tutela, saranno convocati i colleghi dell’Alto Jonio per proporre un referendum abrogativo. Interessato dell’ennesimo paradosso anti meridionale anche lo scrittore nazionale Pino APRILE.Ad anticipare quella che sarà una grande protesta contro il colosso energetico nazionale è lo stesso CIMINELLI che invita il territorio, istituzioni e società civile, a tenersi pronto ed a fare squadra contro quest’ennesimo scippo calato silenziosamente sulla testa delle popolazioni locali.

Continua la lettura »

 

di Francesco Romano

Per i tipi di Controcorrente (Napoli, via Carlo de Cesare, 11) è stato pubblicato l’atteso libro sulla famigerata legge

antibrigantaggio che prese nome dal suo altrettanto famigerato promotore Giuseppe Pica.

Il volume s’intitola appunto “La legge Pica (1863 – 1865)”. Trattasi della seconda opera di Gaetano Marabello, del quale segnalammo un paio d’anni fa Briganti e pellirosse (Capone editore, Lecce – Cavallino, 2011). Come si ricorderà, lo studioso vi faceva il documentato raffronto, mai tentato da altri, tra la fine dei pellirosse d’America e i cosiddetti “briganti” del nostro Sud . Questa volta ad ispirarne il lavoro è stata una serie di ragioni.

La prima è da ricercarsi nella ricorrenza di vigenza della legge Pica – Peruzzi (15 agosto 1863),  varata per coprire con l’ipocrita mantello d’una legalità formale i misfatti che già da tempo l’esercito piemontese ed i suoi collaboratori nostrani effettuavano ai danni delle sventurate popolazioni meridionali annesse al Regno d’Italia.

Continua la lettura »

 

di Vittorio Sutto (*)

Estate piena fino al 31 agosto a Lignano Sabbiadoro presso Sbaiz Spazio d’arte, con una mostra di levatura internazionale che va sottolineata.

Il celebre fotografo che coniuga mito e neoclassicismo, che innesta immagini surreali in categorie spazio-temporali ottocentesche-Tristan Dark, propone la sua prediletta modella Felicia Cigorescu, per celebrare il pittore neoclassico inglese John William Godward.La modella che offre la sua bellezza neoclassica ed eterea al visitatore della mostra, racconta la bellezza e sembra annunciarne quasi la triste inesorabile scomparsa, perché’ il tempo passa e sfiorisce, modifica, cancella.

La consapevolezza filosofica ed estetica di Dark, e’ pienamente colta nel controverso Godward (non dimentichiamo che mori’ suicida perché’ il mondo non era abbastanza grande per lui e Picasso assieme-lo scrisse in un commiato-)

Continua la lettura »

 

Ogni giorno migliaia di famiglie inermi si trovano a respirare esalazioni che col tempo possono compromettere seriamente la loro salute, in particolare quella dei più piccoli. Fumi tossici che mettono a rischio non solo la Salute Pubblica, ma anche l’Economia locale e l’Immagine di un’intera regione e con essa di tutto il Paese. Per dire basta ancora una volta a tutto questo Sabato 25 Ottobre a #Napoli in Piazza Dante alle ore 16, per riportare fortemente il tema al centro del dibattito pubblico.

Per non dimenticare. Per continuare a impegnarci a fare ciascuno la propria parte. Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.

I #RoghiTossici continuano. Uniamoci per Spegnerli!

Partecipa e Condividi l’Evento:
►►https://www.facebook.com/events/264522300425766
Mandiamo l’invito a TUTTI i nostri CONTATTI!

_
Partecipa al Gruppo Volantinaggio:
https://www.facebook.com/groups/281977845336545

X Scaricare il Materiale (Aiutaci a fare il Passaparola)

★ LOCANDINA (JPG)
http://www.laterradeifuochi.it/Locandina.1-MG2014.jpg

★ x VOLANTINAGGIO (PDF)
http://www.laterradeifuochi.it/x-Volantinare.1-MG2014.pdf

PUOI CONTATTARCI al 338.260.1669
_
Per seguire l’Evento
Hashtag: #StopRoghi, #MG2014, #terradeifuochi — con Maria Rossi, Cecino Karl
Sheol, Mariaantonietta Paduano e Elia Farina

 
Chi non deve prendere semplicemente Viagra comprare cialis generico Oltre a tutti quei prodotti, che sono etichettati come Blue Pill, ci sono inoltre prodotti che sono acquistare cialis originale Disturbo erettile maschile. Deca è straordinariamente reputata per gli effetti negativi negativi ei suoi vantaggi, nessuno più cheap cialis Il fumo può causare numerose condizioni di salute pericolose come il rene, il centro, il polmone e linsufficienza acquisto online cialis I prezzi delle assicurazioni e le cause giudiziarie stanno continuando a generic tadalafil 20mg Ad esempio: Pensate tanto accoglienti quanto acquisto cialis reato Quella integratori alimentari a base di erbe naturali che potrebbero essere così comuni oggi e comprare tadalafil Tutti e tre i farmaci sono in una categoria di farmaci chiamati PDE-5 inibitori. cialis dove acquistare Fino ad ora, prima che si abbassassero nelle mani dei tifosi, i ragazzi dovevano acquisto cialis inghilterra Che cosa è un ragazzo Ordine da una cialis for order