di Rita Nappi

Il Meridione è la mia Nazione. Napoli capitale!” E con questa frase , il rapper partenopeo  Tueff

, dopo aver dato l’esclusiva del video e della canzone al giornale “La Repubblica” nei giorni scorsi, si concede una piccola intervista ad Onda del Sud.

Federico Flugi esordisce da solista con il nuovo singolo “Fratelli d’Itaglia”, estratto dall’album “My Raplosophy”, in collaborazione con Dj Jad – ex Articolo 31. Un lavoro straordinario ed intenso, un brano che racchiude la storia dell’ex Regno delle due Sicilie fino ad oggi, ma partiamo dall’inizio:

Come hai scoperto la verità storica? Da cosa è nata la tua curiosità verso il tanto discusso Risorgimento?

Il legame viscerale con Napoli mi ha portato ad approfondire la storia della mia città. Infatti, anche in altri testi si evince quell’istintivo richiamo alla propria identità, alle proprie origini. Tutto è nato dalla lettura del libro “Terroni” di Pino Aprile e successivamente “Il Massacro del Sud” di Antonio Ciano.

Cosa ti ha spinto a scrivere una canzone sul Risorgimento?

L’istinto e la ricerca della verità. Il divulgare e raccontare ciò che è avvenuto e che purtroppo i libri di storia non riportano. La verità si trova negli archivi storici. A differenza dei libri, io con la mia canzone, ho provato ad avere un approccio diretto con gli altri. La musica è un mezzo incisivo ed efficace.

Perché “My Raplosophy”

E’ la mia filosofia di fare rap, di vita. Un modo per condividere la mia passione con gli altri. Bisognerebbe pensare a tutto il mondo, essere solidali e non cadere nell’omertà. E’ un modo per fare entrare gli altri nel mio mondo e viceversa.

Nel video, diretto da Frank Castiglione, ci sono comparse di Pino Aprile, la squadra di football partenopea “Briganti”, ma soprattutto Napoli.

Il mio rap non vuole essere paragonato a quello americano commerciale. Non mi interessa far scimmiottare belle ragazze solo per attirare l’attenzione, pertanto, cerco  di far risaltare le bellezze della città. Le persone devono essere attratte da ciò che scrivo.

Continuerai a scrivere canzoni con riferimenti storici?

Sicuramente nei miei testi farò dei riferimenti a ciò che era il Regno delle due Sicilie, ma non è soltanto questo. Grazie alla collaborazione di vari artisti, il mio lavoro è ricco di tematiche sociali, culturali ecc…

Sei un Brigante?

Un idealista. Ecco. Un ragazzo che ha scoperto la propria identità e le sue radici. Con orgoglio porto avanti il mio credo. E soprattutto questo non deve portare a creare un razzismo all’incontrario o una forma di vittimismo! Avere a cuore la propria terra non significa odiare gli altri, anzi vi è maggior rispetto. Proprio come Dj Jad che ha collaborato in questo progetto, pur essendo di Milano, lui ama Napoli e la sua storia.  La musica ed in questo caso la cultura Hip Hop unisce!

Proprio come i briganti, Tueff difende ed ama la propria terra. Che sia da esempio per tutti i meridionali, che possa la sua canzone dare una scossa alle coscienze delle persone.

Fratelli d’Itaglia a chi?

 

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.