Giovanni Maddamma

Molte persone come me, hanno perso moltissimi anni della propria esistenza dietro a partiti politici che mascherano i loro veri obbiettivi. Infatti, oggi in Italia sono pochi i partiti e rappresentanti politici, che riconoscono il valore del nostro territorio e ne promuovono il suo sviluppo Duosiciliano. In molti casi, abbiamo visto persone elette nel nostro territorio, fare una politica a favore di altri territori “extra nazionali” come la Lega Nord. Mi sono permesso di chiamarli “territori extra nazionali”, perché oltre all’Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria e Sicilia, non ci sono altri, queste Regioni assieme formano “il Regno Duo Siciliano”.


La Lega, nega ogni contatto con questo territorio, tanto da lanciare contro di noi accuse davvero pesanti e fuori dal normale. Per portare alla vostra attenzione un esempio, Mario Borghezio (Lega Nord) disse in un suo comizio, che tutte le persone del Sud sono “neri puzzolenti” e se fosse stato per lui “abbatteva il Sud con dei missili”.

Oggi sono moltissimi i miei concittadini, amici e compatrioti, che votano e fanno patti con queste realtà “neo-fasciste e razziste”. Ad ognuno di noi, sarà capitato una volta nella vita, d’immaginare per un solo istante “le discussioni” dei nostri politici nei palazzi del potere e soprattutto se parlano qualche volta di “SUD?”. La risposta la lasciamo alle nostre infrastrutture e alla nostra economia. Certo, se noi uomini e donne Duo Siciliani, chiedessimo un po’ d’attenzione sul nostro territorio, chiederemo troppa Grazia a Sant’Antonio.

Purtroppo, i fatti e le circostanze mi portano a dedurre, che gli argomenti del nostro territorio “non vengono assolutamente sfiorati, dai lecchini del potere momentaneo”. Parlare di “momentaneo” è d’obbligo, perché la pacchia per questi “politichucci di quartiere” sta per giungere a termine.

Dopo la nostra “Mala Unità”, potevano dare un segnale di vero Risorgimento, ma il vero Regno risorto è quello del Nord, che impadronendosi del nostro patrimonio economico, culturale, sociale, politico e infrastrutturale, né fecero una vera “bandiera”. Noi abbiamo avuto la sfortuna di avere un “Re tiranno”, quindi il nord doveva assolutamente liberarci. Per anni, si è creduto davvero che “i Borbone” erano tiranni, perché questi “italioti” hanno scritto nei libri di storia ciò che volevano, e per 153 anni hanno inculcato nelle nostre menti.

Derubare “è un crimine”, che al nostro territorio non è mai stato riconosciuto da nessuno. Guardate bene nella storia, noterete che un uomo “il Verbo di Dio”, parlo del Signore Nostro Gesù Cristo, parlava ad un popolo che Egli stesso chiamava “sepolcri imbiancati”. Certo, che il nord prima della loro “Unità” era sull’orlo della disperazione, e doveva invadere per forza questo territorio oppure per loro era finita.

Quella guerra, in collaborazione di traditori nostrani, portò alle nostre terre “non più prosperità”, ma solo fame e miseria, portata fino ad oggi. Certo, ci rubarono tutto, ma una cosa non sono ancora riusciti a rubarla “la nostra identità Duo Siciliana”. Oggi, non tutti conoscono la nostra vera storia oppure la conoscono e la “ignorano”. Come già detto prima “per 153 anni” ci è stata raccontata una storia “falsa” e molti oggi, non vogliono conoscerla e fanno finta di non sentire e accettano tutto quello che i nordisti dicono di noi.

Noi siamo un popolo “reale” come dice il successore della “Real Casa Borbone”, ma questo non ci rende “onorati” perché pensiamo che “il nord sia migliore”. Questa assurda storia deve finire, per questo i briganti e le brigantesse Duo Siciliane, si sono uniti creando il “Movimento Duosiciliano”. L’obbiettivo di questo movimento, non sarà mai quello di occupare posti e poltrone nello Stato Italiota, ma sarà quello di portare la voce di ogni cittadino Duosiciliano, nelle nostre istituzioni.

MDS si propone uno slogan “mo avast”. Diciamo basta a questi assurdi giochetti di potere, gridiamo ad alta voce la nostra vera identità, mettiamoci la faccia in questo movimento, sventoliamo insieme quella bandiera di libertà che scrisse una storia indimenticabile, uniamoci insieme per la lotta vera e continua, senza paura diciamo insieme “W le Due Sicilie”.

Il Movimento Duosiciliano non cerca nessun tipo d’accordo politico, con nessun partito o politico italiota. Non vogliamo sfilare sulle passerelle politiche italiane, perché non ci interessa, l’unico interesse di noi Brigante e Brigantesse sarà sempre quello del “benessere dei nostri cittadini e del nostro territorio”.

Molti di voi collaborano ancora con partiti “italioti”, ma arriverà un giorno non lontano, che assieme al Movimento Duosiciliano, griderete anche voi la nostra vittoria. MDS oggi vuole scrivere una nuova pagina di storia per il nostro amatissimo territorio, ma questo dovrà essere fatto con la tua collaborazione e con la “penna della verità”.

Infine, voglio ricordare in questo editoriale “tutti i briganti e le brigantesse della storia passata” e voglio ringraziare tutti i “briganti della storia presente e futura”. Prendiamoli come esempio, agiamo come i briganti del passato, imitandoli nella “forza e nel coraggio” e imitiamo quelli presenti nella “conoscenza e nella tenacia”. Queste cose le dico a tutti i briganti e brigantesse future, che mettendo assieme questi insegnamenti ricevuti dalla storia e dal martirio di altri compatrioti, alla fine il nostro territorio sarà libero da ogni schiavitù, quindi insieme a tutti i briganti, chi nel cielo e chi sulla terra, come un coro celeste grideremo “AVANDE BRIGANDE!!”.

 

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.