COMUNICATO STAMPA DEL MOVIMENTO DUOSICILIANO

Ordine tassativo del governo,  in combine con l’italico regime dei partiti: “Questo referendum

L’ultima trovata antidemocratica e anticostituzionale è costituita dal “divieto” ai Gruppi, ai Movimenti, alle Associazioni  non rappresentati in Parlamento di propagandare a mezzo manifesti la propria opinione a proposito della prossima consultazione referendaria. anti  trivellazioni “a gruviera” dei fondali dei  mari a sud della penisola, deve fallire.”

La circolare ministeriale parla chiaro: “delimita ed assegna gli spazi per le affissioni abolendo la propaganda  “indiretta”, consentendo solo quella diretta riservata però ai partiti e ai gruppi rappresentati in Parlamento e ai promotori del referendum, cioè ai  Presidenti delle Regioni che l’hanno promosso.

Tutto il resto del “mondo” , cittadini, associazioni, gruppi, Movimenti, liste civiche, comitati civici  che sino a ieri potevano esprimersi  “nero su bianco” utilizzando lo spazio di affissione cosiddetta “indiretta”, d’ora in poi  restino imbavagliati e vadano a farsi benedire standosene  buoni  buoni  al loro posto, come cani bastonati, a cuccia e con il guinzaglio corto.

Un altro colpo mortale ai diritti del cittadino da parte dell’oligarchia di Stato, governo e partiti insieme, i quali non hanno mancato di sbeffeggiarsi dell’elettorato: questo provvedimento andava preso (udite, udite!) perché “dettato dalla necessità di contenimento della spesa pubblica” !

Cavolo! Avevano questa necessità e non hanno ritenuto di accorpare il referendum con le imminenti amministrative!  Risparmiano quisquiglie per non installare tabelloni e poi gettano milioni di euro che potevano essere destinati allo sviluppo di quel che resta delle aree del Sud e della sua economia in macerie.

E speriamo che l’abominevole disposizione sia circoscritta a questo e non s’intenda estesa ad altro come il divieto di  comiziare, di parlare alla gente direttamente guardandola negli occhi. Il che significherebbe a questo punto, preferire il regime del monarca turco Erdogan

Michele Ladisa  - segretario generale MDS -

 

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.