di Michele Ladisa

Insieme per la Rinascita, Identità Mediterranea, Movimento per il Sud, Partito del Sud e Partito per il Sud, insieme  sulla piattaforma web www.miosud.it

 

Ancora segnali più che positivi  nel processo di aggregazione dei movimenti meridionalisti scatenatosi all’indomani del libro di Lino Patruno “Fuoco del Sud”.

In questo senso abbiamo già dato notizia dei primi passi mossi dai partiti “del Sud” e “per il sud”, i cui vertici si sono incontrati e con tanto di carta e penna hanno cominciato ad apporre firme sullo stesso foglio.  Un esempio,  uno sprono, un invito per tutti,  a sedersi attorno allo stesso tavolo e non certo di fare capannelle altrove.

La libera piattaforma web universale www.miosud.it è un’altra forte inziativa di aggregazione di tutti i veri meridionalisti ed è aperta a tutti, movimenti, partiti, associazioni, singoli cittadini.

In questo sito si sono riconosciuti ben cinque partiti e movimenti, da Insieme per la Rinascita a Identità Mediterranea al Movimento per il Sud al Partito “per il Sud” e a quello “del Sud”.  La promessa: lavorare tutti insieme per costruire il nuovo sud possibile.

Rispetto alla “galassia” di movimenti evocata in Fuoco del Sud da Lino Patruno, questi movimenti appaiono solo una modesta parte della costellazione.

Così non è e non sarà.  Infatti la contestuale campagna elettorale delle amministrative impedisce a molti di seguirne il processo, fra cui Insorgenza Civile impegnata in prima linea e a tutto campo a Napoli. 

Per questo l’attuale assenza di Insorgenza Civile non deve essere interpretata come una forma di distacco dall’iniziativa. I vertici d’Insorgenza sono tutt’ora a stretto contatto con i promotori e come è logico che sia, rinviano gli incontri al post voto.

A proposito delle elezioni comunali di Napoli, il Presidente del Pis (Partito per il Sud) Domenico Iannantuoni con una tranquillizzante nota ha chiarito che l’appoggio elettorale del suo partito fu garantito a favore di Insorgenza prima delle attuali trattative e che di tanto sono stati informati i vertici del Partito del Sud. Quest’ultimi  hanno ben compreso lo stato di cose e con lo spirito costruttivo che sta contraddistinguendo questa fase aggregativa hanno accolto la precisazione nella massima serenità.

Intanto altre iniziative si susseguono e quella di Alfredo Sasso di Progetto Sud  è la prossima in ordine di tempo. Il 7 maggio a Napoli (Via Cinthia Parco San Paolo is. 16 ) sono convocati i movimenti e  “quanti operano per lo sviluppo e la rinascita del Sud”.

 

4 Responses to “Un nuovo Sud è possibile …e noi lo costruiremo!”

  1. de Alexandro scrive:

    BISOGNA PROSEGUIRE LA CONTA DEI SIMPATIZZANTI-ISCRITTI DELLE VARIE ASSOCIAZIONI SUL TERRITORIO NAZIONALE, ATTRAVERSO LO STRUMENTO DI “MIO SUD”, ONDE GARANTIRE POI UNA MIGLIORE FORMAZIONE ORGANIZZATIVA SUI RISPETTIVI TERRITORI.PERTANTO, PROMUOVERE L’ISCRIZIONE DELLE CANDIDATURE SU MIO SUD CI CONSENTE DI CONOSCERCI MEGLIO, SPECIE SE VICINI “DELLA PORTA ACCANTO”.DIFATTI, INDIVIDUATE LE PERSONE SUL TERRITORIO SI PUO’ PROCEDERE A DEGLI INCONTRI,ORGANIZZANDOSI MEGLIO IN FUNZIONE DI UN VICINO PROGETTO POLITICO ELETTORALE. SPRONIAMO TUTTI AD ISCRIVERSI A “MIO SUD”!

  2. salvatore santamaria (bz) scrive:

    Dopo l’abominevole cazzata del Berluska di far entrare li ‘Talia della mala-unità repubblicanata, figliata dalla delinquenziale monarchia prenazista dei saboja, bisogna uscire dalla mignottacrazia massonica del Berlusca e dalla predetta repubblica repubblicanata… e Нэполитэнcиj [Niepolitienskj] = “napolitanica”… del Napolitano [vecchio arnese comunismo URSS]… “Napolitano” di nome ma non di fatto!

  3. salvatore santamaria (bz) scrive:

    Scusatemi tutti se la sparo “papale-papale”: NOI MERIDIONALI DEL NORD (chi poco e chi tanto) CI DOBBIAMO DARE DA FARE PER INDURRE I NOSTRI CONTERRANEI DELLE REGIONI MERIDIONALI A DARSI DELLE RAPPRESENTANZE POLITICHE >>AUTONOMISTICHE >>ED >>ETNICHE COME HANNO FATTO I “todesch’” di qui: I SUDTIROLESI DELL’ SVP [Suedtirol Volks Partei]. Le “autonomie” della Provincia di Bolzano e della Provincia di Trento funzionano abbastanza bene!
    I meridionali del Nord e del Sud non possono più farsi rappresentare dalla mignottacràzia del Berluska, da quel “bauscia” del Bossi né dagli scornacchiati “ex-e-sempre-comunisti”, agenti del comunismo internazionale.
    Tutt’insieme siamo la maggioranza in Italia (credo sui 27/28 mln di persone). E’ GIUNTA L’ORA DI ESPRIMERE UNA “NOSTRA” RAPPRESENTANZA POLITICA ed ETNICA.
    Chillo ‘nsalanuto del Berluska con la guerra alla Libia non ha pensato agl’interessi dell ‘Italia né, tantomeno, a quelli dei meridionali… Ed allora, sganciamoci dal PDL… il Popolo De La gnocca… e DA UNA REPUBBLICA CHE RIFILA FREGATURE DOPO FREGATURE AI MERIDIONALI e per di più LI SFOTTE.

  4. Mariano scrive:

    separati, si perde!

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.