19 febbraio 2018

Nel corso della tre giorni di Gaeta del 16,17 e 18 febbraio 2018 dedicata alle Giornate della memoria dei Popoli delle Due Sicilie, il Segretario generale del Movimento Duosiciliano Michele Ladisa ha dichiarato, nel suo intervento, che i tempi sono ormai maturi affinché i Movimenti Meridionalisti possano stare insieme per dare una risposta politica seria riguardo il territorio del Sud Italia.

Tra i Movimenti presenti a Gaeta, Unione Mediterranea, Meridionalisti Democratici e Tavola Meridionale si sono trovati in linea con quanto dichiarato dal Segretario del Movimento Duosiciliano ed hanno dato la propria disponibilità a seguire, anche con con immediatezza, incontri atti a definire i punti di convergenza per una comune lotta.

Si prospetta quello che molto probabilmente sarà un incontro storico per il Meridionalismo in Italia.

Resp. stampa

Livia Augusta Mattoni

 

14 febbraio 2018

Al riguardo della manifestazione del 13 febbraio u.s per la “Giornata della memoria dei caduti delle Due Sicilie” tenutasi a Bari presso la sede della Regione Puglia, Il Movimento Duosiciliano precisa di non aver mai delegato alcuno, né per proprio conto né per altri movimenti presenti alla manifestazione, ad incontri con esponenti del Movimento 5 Stelle presso il Consiglio Regionale pugliese. Il Segretario del Movimento Duosiciliano, Michele Ladisa, ha aggiunto che le intenzioni del Movimento sono quelle dichiarate agli organi di stampa intervenuti, e che lo scopo principale era comunque d’informare i cittadini della verità storica e degli eccidi di massa avvenuti nel corso della cosiddetta unità d’italia, non certo quello d’ incontrare esponenti dei Movimento 5 Stelle o di altri partiti, dai quali è equidistante non condividendone le posizioni anche ideologiche. Prosegue dicendo, che alcuni personaggi che hanno ritenuto di far intendere, come riprovato da un video messaggio, di essere rappresentanti dei manifestanti, accreditandosi in questo senso con il Movimento 5 Stelle , lo hanno fatto arbitrariamente e a titolo personale, assumendo una gratuità non dovuta, pregiudizievole per l’immagine del Movimento Duosiciliano e degli altri movimenti ed associazioni presenti. Ladisa ha concluso che provvederà a diffidare legalmente coloro che intendessero proseguire con fatti e atteggiamenti tesi a minare l’immagine politica del Movimento Duosiciliano.

Resp. stampa

Livia Augusta Mattoni

 

” Giornata della memoria dei caduti delle Due Sicilie”

di Michele Ladisa *

Un anno fa sorprese l’iniziativa penta stellata di ottenere l’istituzione di una Giornata per la commemorazione “ delle vittime meridionali del Risorgimento”.

La proposta fu avanza mediante mozioni ufficiali presentate a vari Consigli Regionali del Sud, fatta eccezione per la Calabria priva di esponenti politici dei 5Stelle in Consiglio.  Nel luglio 2017 la mozione dei pugliesi fece scalpore per aver ottenuto il voto favorevole del Governatore Emiliano e della maggioranza.

Se da un canto per i “meridionalisti”  seguirono mesi di entusiasmo e trepidante attesa, dal versante dei cattedratici e

Continua la lettura »

 

7 Febbraio 2018

In mancanza dell’attesa delibera della mozione presentata dal Movimento 5 Stelle per l’istituzione del 13 febbraio come giornata della memoria delle vittime meridionali del Risorgimento italiano, il Segretario Michele Ladisa dichiara a nome del Movimento Duosiciliano la volontà di commemorare autonomamente le vittime presenziando a Bari il 13 febbraio in Corso Vittorio Emanuele. L’intenzione è quella di dare la possibilità ai cittadini di informarsi su ciò che viene ancora oscurato dalla storia scritta dai Savoia e dalla storiografia ufficiale in modo da poter riacquisire la propria identità.

Resp. Stampa

Livia Augusta Mattoni

 

di Lino Patruno

Cercasi Sud disperatamente. A chi al momento chiedesse quali sono i programmi dei partiti che lo riguardano, non si potrebbe rispondere altro che <non pervenuto>. Magari meglio essere ignorati che finire nel tritacarne di promesse da Paese dei Balocchi. E di bugie da codice penale. Ma si sa come vanno le campagne elettorali. Fatto sta che fra tasse da eliminare, Europa da minacciare, deficit da aumentare e pensioni chissà che, non una parola nuova è stata finora spesa per un terzo del territorio e un terzo della popolazione. Che non è un terzo qualsiasi.

Continua la lettura »

 

Bari, 31 gennaio 2018

A proposito delle candidature per le prossime consultazioni politiche italiane, il leader del Movimento Duosiciliano Michele Ladisa ha dichiarato che più che un “valzer” di candidature, come qualcuno ha detto, si sia trattato di una “quadriglia” dove lo “changer la femme” è equivalso ad assegnare poltrone in ogni dove d’Italia, anche al sud, come dimostra la candidatura nel Salento della Santanchè per affrontare D’alema.

Il Movimento Duosiciliano, assente alla consultazione,  non sosterrà alcuno sia per incompatibilità manifesta con i partiti nazionali sia perché nelle attuali proposte di detti partiti e dei politici non vi sono ipotesi di riforma costituzionale che prevedano l’ istituzione di una unica grande Regione autonoma meridionale, dove le Province abbiano un ruolo di primo piano nelle scelte territoriali.

Resp.stampa

Livia Augusta Mattoni

 

26 gennaio 2018

Con riferimento all’iniziativa di un referendum per il passaggio della Città di Taranto e Provincia nella Regione Basilicata, il segretario del Movimento Duosiciliano, Michele Ladisa, ha espresso il suo disaccordo. Pur comprendendo i motivi dei cittadini: la mancanza di un aeroporto e la centralità del porto di Taranto nell’ambito del Mediterraneo, sostiene che la proposta dimostra l’assenza di vere alternative politiche. Un esempio tra tutte sarebbe quello di ridurre tutte le regioni ad una sola grande dell’intero sud ove le Province abbiano un ruolo essenziale e autodeterminante per la migliore gestione della politica territoriale. A tal proposito fa rilevare che il potere politico della Basilicata è insignificante, avendo un solo senatore e un solo deputato al parlamento. Inoltre, ricorda, che la Basilicata è una regione completamente inquinata per via delle trivellazioni a tutto campo che questo governo ha imposto e che così acquisirebbe un’altra città ancora più inquinata del proprio territorio.

Resp. stampa

Livia Augusta Mattoni

 

…e se ne freghi dell’europa

di Michele Ladisa *

Bari, 15 gennaio 2017 – Lo Stato Italiano non dovrebbe consentire la morte per avvelenamento ambientale dei propri cittadini.

L’Europa  non dovrebbe tollerare che tutto questo accada.

E invece per l’Ilva di Taranto sembra sia concessa un’ampia deroga in nome dell’italico interesse nazionale e delle egoistiche leggi di mercato europee.

Proprio non si comprende la politica dei due pesi e due misure attuata, da sempre, dai governi italiani nei confronti delle aziende operanti nei diversi territori, con effetti devastanti  ai danni delle popolazioni  ivi residenti.

Per dichiarazione del ministro Calenda, Alitalia negli ultimi anni è costata allo Stato la quisquiglia di 7,5 miliardi di euro.  Gli ultimi prestiti-ponte, in attesa di trovare da qualche parte del mondo uno o più acquirenti, hanno riempito la vuota saccoccia della Compagnia di 600/900 milioni che dovevano essere già  restituiti il 2 novembre 2017 e che invece, si spera, siano rimborsati il 30 settembre 2018.

Continua la lettura »

 

” VERSO IL GRANDE BLUFF? “

di Michele Ladisa

Bari 22 gennaio 2017  – Risale al 9 novembre 2017, presso la Libreria Laterza di Bari, l’ultimo inusitato attacco di cattedratici e letterati, ottusamente asserviti alla falsità storica,  nei confronti dell’iniziativa politica che avrebbe (il condizionale è oggi d’obbligo) istituito in Puglia la giornata della memoria dei caduti “meridionali” del Risorgimento. .

L’occasione fu un convegno dal tema (udite, udite !) “Cause perdute Dai Borbone alla Catalogna”.  Vale a dire, gli sconfitti tali sono e tali restano, per sempre.

La levata di scudi verso la mozione del Movimento 5 Stelle pugliese fu immediata, all’indomani dell’approvazione della mozione da parte del Consiglio Regionale,   avvenuta il 4 luglio 2017. Pochi giorni prima del solleone ferragostano, lorsignori organizzarono proprio presso la sede dell’ente regionale il primo scalcinato attacco dopo aver raccolto un migliaio di sottoscrizioni fra clientele, compagni, amici e compari di sangiovanni.

Continua la lettura »

 

Bari, 22 gennaio 2018

Per il 13 febbraio il Movimento 5 Stelle, con una mozione approvata in Consiglio Regionale, ha proposto l’istituzione della giornata della memoria dei caduti meridionali del Risorgimento.

A tale mozione si sono subito levati gli scudi dell’intellighenzia barese. Recentemente, nel corso di un incontro con attivisti e simpatizzanti del Movimento Duosiciliano, il segretario Michele Ladisa ha dichiarato di attendere la firma della delibera da parte del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano; ed ha aggiunto che,  qualora non ci fosse, le componenti meridionaliste comunque commemoreranno i caduti delle Due Sicilie, anche con iniziative volte a denunciare l’ennesimo tentativo di respingere la verità storica e nella speranza che la giornata sia istituita per gli anni avvenire.

Resp. stampa

Livia Augusta Mattoni

 

Bari, 20 gennaio 2018

A proposito delle elezioni il segretario generale del Movimento Duosiciliano Michele Ladisa ha dichiarato  che attualmente il Movimento non è preparato per scendere in campo e pertanto,  l’intero mondo meridionalista ha l’obbligo di riunirsi quanto prima per programmare il futuro in senso anche elettorale.  Ciò nonostante non suggerisce  di ripiegare su scelte ambigue in quanto attualmente non c’è nessuna area politica né partito nazionale che fa una programmazione seria per il mezzogiorno d’Italia. Pertanto qualsiasi scelta di allearsi a partiti nazionali servirebbe semplicemente ad essere servi al potere dei partiti e non cambiare assolutamente nulla allo status quo della politica nazionale.

Responsabile stampa

Livia Augusta Mattoni

 

” La Repubblica”: ancora prevaricazione contro la Banca Popolare di Bari

di Michele Ladisa*

La salvaguardia di una straordinaria risorsa finanziaria del territorio è questione primaria per il benessere della popolazione e del medesimo territorio.

Proteggere la Banca Popolare di Bari, ultima grande banca del sud con governance di casa nostra, è un dovere inconfutabile di ogni cittadino, di ogni organismo ed attività, compreso degli organi d’informazione.

Sono evidenti quanto innegabili i ripetuti attacchi speculativi ai danni della BPB che si ripetono sistematicamente da un paio d’anni or sono, all’indomani della forte crescita della Banca grazie

Continua la lettura »

 

LA NECESSITA’ DI RILEGGERE E RISCRIVERE LA STORIA, GLI EVENTI, I PROTAGONISTI, RIBADITA NEL CORSO DI UN INCONTRO CHE SI E’ TENUTO IN MATTINATA AL CASTELLO, E NEL POMERIGGIO A PALAZZO D’AMICO.

di Attilio ANDRIOLO

Grande  successo di  pubblico e di  critica hanno riscosso entrambi gli eventi dedicati alla rievocazione della  battaglia del 20 Luglio 1860, che si sono svolti al Castello e a Palazzo D’Amico nella giornata di sabato 2 dicembre, in una cornice fantastica illuminata da un sole primaverile.

un momento della presentazione di Nicola Petrolo

Erano presenti al Castello anche numerose classi di studenti che hanno preso letteralmente d’assalto il cannone in perfetto stato di conservazione ed i fucili, anch’essi  ben tenuti e funzionanti, portati lì dallaCompagnia della Real Marina Borbonica di Caltanissetta, per chiedere notizie e spunti di riflessione su quella pagina di storia, che si andava a rievocare. Naturalmente non sono mancate le foto ricordo anche dei numerosi  turisti e curiosi, saliti fin lassù proprio per assistere all’evento della ricostruzione storica della battaglia che vide contrapposti  garibaldini e borbonici.

Ha fatto sensazione rivedere all’interno delle mura del nostro Castello uomini in divisa borbonica, armati di

Continua la lettura »

 

Il Direttore e la redazione tutta di

ONDA DEL SUD

comunica la dipartita della cara mamma

del  proprio Direttore Politico Michele Ladisa.

In questo momento di grande dolore gli siamo particolarmente vicini.

I funerali si svolgeranno oggi, 19 ottobre 2017, alle ore 17.00

presso la Chiesa del Buon Pastore in Bari Viale Luigi Einaudi, 2/A

 

di Lino Patruno

(La Gazzetta del Mezzogiorno – 6 ottobre 2017)

Facciamo un po’ di ordine. Il referendum per il quale domenica hanno votato in Catalogna non c’entra nulla con quello sul quale

voteranno Lombardia e Veneto il 22 ottobre. Nella regione spagnola chiedono l’indipendenza da Madrid, cioè formare un nuovo Stato.Da noi chiedono maggiore autonomia dallo Stato centrale, cioè tenersi i soldi delle loro tasse e decidere da sé cosa farne. Soprattutto, come graziosamente dicono loro, non darli al Sud. La differenza l’ha spiegata lo stesso Salvini, che un giorno si è riscoperto italiano dopo essere stato leader di quella Lega che voleva spaccare il Paese e fare della Padania un’altra Catalogna. Tanto che lo statuto della Lega parla ancòra di secessione. Memoria labile.

Continua la lettura »

 
Disturbo erettile maschile. Deca è straordinariamente reputata per gli effetti cheap cialis Che cosa è un ragazzo Ordine da una farmacia online è più facile di quanto cialis for order Fino ad ora, prima che si abbassassero nelle mani dei tifosi, acquisto cialis inghilterra Non si deve supporre che si sceglie di ottenere un hard-on automaticamente dopo il consumo acquisto cialis internet Chi non deve prendere semplicemente comprare cialis generico Di seguito sono riportati alcuni semplici e semplici metodi cialis discount Oltre a tutti quei prodotti, che acquistare cialis originale Tutti e tre i farmaci sono in una categoria di cialis dove acquistare Erezioni che sono morbide o povere possono distruggere le prestazioni nel cialis online cheap Il fumo può causare numerose condizioni di salute pericolose acquisto online cialis