Lino Patruno

di LINO PATRUNO

Macroregione, macroregione; unico modo per salvare il Sud. Come mandorli in primavera, è sbocciata questa idea in passato giudicata un primo passo per spaccare l’Italia. Fiorita all’indomani di un voto in cui,piaccia o no, mai ilSud è stato così compatto dietro una forza politica. Da macroregione. E idea lanciata da pezzi di un centrodestra mai finora preoccupato della sua alleanza che ha dato alla Lega Nord la possibilità di fare al Sud danni che ne segnano la vita di ogni giorno. Soprattutto di far passare il messaggio che quello del Sud sia un problema irrisolvibile E non perché non si sia fatto nulla per risolverlo. Ma perché i meridionali sono quello che sono. Un problema antropologico, non di sperequazione. Quasi razziale.

Partenza discutibile per un progetto pur non campato in aria. Avendo finora il Sud sofferto non tanto di una classe dirigente non all’altezza, come se quella del resto d’Italia fosse da premio Nobel per qualità e da premio Oscar per onèstà. Ma avendo sofferto di una classe dirigente dal peso leggero di fronte al peso massimo dei poteri forti del Paese. E soprattutto divisa, non essendo il Sud mai stato capace di parlare come un unico popolo e un unico territorio. Neanche ora che le sue regioni (Sicilia esclusa) sono tutte governate dal centrosinistra- Laddove, francamente, dire centrosinistra, e anzitutto Pd, è come dire che l’armata Brancaleone era un modello di compattezza.

Il Sud ha il 34 per cento del territorio italiano e un terzo della popolazione. Ma mai finora quel 34 per cento si è visto raggiunto da una percentuale pari della spesa pubblica dello Stato. Spesa corrente e per investimenti. Col riparatorio  tardivissimo impegno del governo Gentiloni che si è perso nelle nebbie del dopo-elezioni. Spesa pubblica media mai aldilà dei 28 per cento, con la perdita secca di 80 miliardi all’anno per decenni. Meglio non fare i conti per carità di patria.

Ma sono i conti di tutto quello che si poteva fare in un Sud che è l’unica possibilità dell’Italia per crescere quanto serve per non essere sempre l’ultima fra i primi in Europa. E Sud vittima da decenni dell’inganno di fondi europei mai aggiuntivi rispetto alla spesa nazionale (ne ha scritto nei giorni scorsi il direttore De Tomaso). Per non parlare della Cassa per il Mezzogiorno. Per cui una scuola al Nord si costruisce con i fondi nazionali, comprese le tasse dei meridionali. E al Sud con i fondi europei, che chissà cosa succederebbe se non ci fossero. Sempre figliastri di un dio minore. Con l’accusa al Sud di sprecarli, quei fondi (come a volte avviene), quando sono l’unica maniera per campare.

E quindi Sud che, grazie à tutto questo, ha il doppio della disoccupazione, il triplo di quella giovanile, il doppio della povertà, la metà del reddito, il 40 per cento in meno di infrastrutture rispetto al Centro Nord. Ma Sud per il quale l’idea più fulminante (davvero) che si ha è quella di ridurne salari e stipendi, come se già non lo fossero al confronto col resto del Paese. Sistema rapido non per attirare investitori, che si attirano con meno tasse sul lavoro e meno tasse in generale. Ma per impoverirlo ancòra di più e ridurne i consumi, ciò che allo stesso sistema produttivo nordico non piacerebbe se non chi compra da loro?

Insomma di trappola in trappola. Ma Sud che, nonostante tutto, riesce a esportare nel 91 per cento dei Paesi del mondo- Eroi civili.

Questo il quadretto incoraggiante come un  autogol al 91mo minuto) in cui ora si riprende a parlare di macroregione. Come risposta alla più ampia autonomia che stanno per otténere Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna stranamente diciamo risposta solo ora. Autonomia che non dovrebbe però significare per il Sud un chi si è visto, si è visto>. Nel sénso che finora vi abbiamo trattati così, ma ora mettiamo il punto e gestitevi da soli partendo da dove siete. Magari vi completate da soli la ferrovia diretta fra Bari e Napoli. E vi tenete cosa resta delle vostre università già adeguatamente dissanguate da una ingiusta attribuzione di fondi (quella stessa che in sanità ha fatto diminuire dì quattro anni la vita media dei meridionali).

Attenti al lupo. Un Sud da solo sarebbe il quarto Stato in Europa. Ma nessuna macroregione potrebbe essere l’alibi per una Italia che volesse lavarsi le mani tutt’altro che innocenti. Macroregione, ma con fondi iniziali che riparino al malfatto. Altrimenti si va a finire come con quel federalismo tanto di marca Lega Nord (rieccola) quanto sposato dai centrodestra unito (non senza occhiolini del centrosinistra, in verità). E che ha regalato ai Sud solo tasse più alte ed equità più bassa.

Sarebbe allora macroregione o porgere l’altra guancia? Ma sulla guancia posti esauriti.

Gazzetta del Mezzogiorno (20 aprile 2018

Tags:
 

di Lino Patruno

Per terra, mare, cielo: nulla ti è risparmiato quando sei Sud. A cominciare dai treni che con una mano ti danno e con l’altra ti tolgono. Vedi la tratta Bari-Roma della quale questo giornale si è già ampiamente

occupato. Sulla quale dovevano essere utilizzati i pendolini Etr 600 e invece ci verranno i V250.Che non è questione di sigle, ma di velocità, il primo andando a 135 chilometri l’ora fino a Caserta, il secondo a 110. Il che significherà ripiombare oltre le 4 ore di percorrenza, per la serie non puoi partire di prima mattina e trovarti nella capitale entro le 9,30. Cioè quando sarebbe utile sia pure in una città che, diciamo, se la prende comoda. Non ci resta che piangere, diceva Massimo Troisi. Non ci resta che pernottare colà con spese aggiuntive e serata precedente persa.

Continua la lettura »

di Francesco Romano

E’ di ieri 19 dicembre 2016 la notizia riportata da Aldo Fontanarosa della “La Repubblica.it” che, il 22 dicembre, il direttore editoriale per l’Offerta informativa, Carlo Verdelli, sottoporrà al consiglio di amministrazione una sua proposta di rinnovamento della Rai.

Continua la lettura »

di Lino Patruno

Vedremo come andrà domenica il referendum per il quale voteremo. Ma una cosa sono le trivelle perestrarre petrolio e gas dall’Adriatico, altra cosa tutto il resto. Cioè il futuro del Sud. Sud che, secondo i suoi puntuali critici, in questi giorni si sta troppo agitando. Fino ad ascoltare anatemi che sembravano di altri tempi. C’è chi ha scritto che il Sud è tornato al sanfedismo del 1799: accidenti, il cardinale Ruffo. Chi ha evocato i lazzari alla Masaniello. Chi rivede i più recenti “boia chi molla” calabresi. Il tutto frutto di un populismo che si riesce ad addebitare solo al Sud pur in un’Italia che ne è più infarcita di una millefoglie.

Continua la lettura »

di Lino Patruno

Ma il Sud, quattro cose se le deve dire in attesa del grande piano riparatorio di Renzi. Esempio, il turismo: un boom quest’anno, soprattutto al Sud. E soprattutto in Puglia. In testa come sempre il Gargano. Ma con le luci della ribalta ancòra una volta sul Salento e su Gallipoli, la sua città bella. Diventati qualcosa che conta molto nel turismo basato anche sull’immagine: diventati un mito. Costruito col cinema oltre che su un proprio fascino spesso irripetibile. Costruito sugli echi della taranta. Costruito sul tam tamdi personaggi che l’hanno scelto come loro buen retiro. Da ultimo costruito sulla sua improvvisa elezione a paradiso dello sballo, l’immane migrazione giovanile a caccia di perdimento. Col noto corredo di alcol, droga, notti folli. Ma anche spiagge spesso ridotte a campi profughi e ogni angolo a dormitorio.

Continua la lettura »

Disturbo erettile maschile. Deca è straordinariamente reputata per gli effetti cheap cialis Che cosa è un ragazzo Ordine da una farmacia online è più facile di quanto cialis for order Fino ad ora, prima che si abbassassero nelle mani dei tifosi, acquisto cialis inghilterra Non si deve supporre che si sceglie di ottenere un hard-on automaticamente dopo il consumo acquisto cialis internet Chi non deve prendere semplicemente comprare cialis generico Di seguito sono riportati alcuni semplici e semplici metodi cialis discount Oltre a tutti quei prodotti, che acquistare cialis originale Tutti e tre i farmaci sono in una categoria di cialis dove acquistare Erezioni che sono morbide o povere possono distruggere le prestazioni nel cialis online cheap Il fumo può causare numerose condizioni di salute pericolose acquisto online cialis